2024

Daedalos per l’anno 2024 partecipa ad un Convegno Nazionale a RomaEffetto Michelangelo” realizza visite culturali a Città d’arte, e proseguiamo con il programma Erasmus +. in partnerchip con associazioni del territorio italiano.


L’Arte come contesto e strumento dell’azione di cura di sé e degli altri

19 – 20 Gennaio 2024Effetto Michelangelo Corsie Sistine – Borgo Santo Spirito, 2 – Roma
un evento straordinario in una location d’eccezione

4 Febbraio 2024Guercino nello studiopomeriggio di arte e cultura alla Pinacoteca Nazionale di Bologna in via Belle Arti Bologna

10 Marzo 2024Lippo di Dalmasio al Museo Civico Medioevale – pomeriggio con l’arte del 300 e del 400 Museo Civico di Arte Antica via Manzoni, 4

L’Erasmus + arricchisce la vita e apre la mente

L’educazione degli adulti comprende tutte le azioni educative, formali, non formali e informali rivolte all’educazione non professionale degli adulti e ai percorsi dell’apprendimento permanente non direttamente collegati al mercato del lavoro, e al di fuori della formazione professionale (VET) e dell’istruzione superiore.

Portogallo – Covilhã dal 24 al Febbraio all’8 Marzo 2024
Località : tra fiumi e catene montuose, la città di Covilhã è una delle porte di ingresso della Serra de Estrela. Originariamente terra di pastori lusitani, fu riconquistata ai mori dal re D. Sancho I, che la difese circondandola di una cinta di mura, e durante il Medioevo si affermò come punto di importanza strategica, in particolare sotto il regno di D. Dinis, il quale mise in pratica il rafforzamento della difesa del territorio. Questa città della Corona, titolo concesso da D. Manuel che nel 1510 le diede anche il Foral Novo, fu anche terra di scopritori. Dopo la conquista di Ceuta, nel 1415, l’Infante D. Henrique, il Navigatore, ricevette dal padre, re D. João I, il titolo di Signore di Covilhã. La città diede anche i natali a Pêro da Covilhã, esploratore inviato in Oriente da D. João II, le cui informazioni consentirono la scoperta della rotta marittima verso l’India da parte di Vasco da Gama. Una delle caratteristiche di Covilhã è l’arte della lavorazione della lana, iniziata al tempo di D. Sancho I e sviluppata dalla comunità ebraica che vi si insediò fino al XV secolo. L’industria tessile, che sotto il regno di D. João V rifornì di uniformi l’esercito portoghese, ricevette un nuovo impulso nel 1763 grazie all’azione del Marchese di Pombal che vi fondò la Real Fábrica de Panos, diventando il maggiore centro di produzione di lana di tutto il paese. La crescita economica che ne risultò fece sì che nel 1870 Covilhã diventasse città. Una visita del suo patrimonio architettonico non può prescindere da una passeggiata per l’antica Judaria, con le sue viuzze strette e le finestre in stile manuelino, la Capela de São Martinho, la Capela de Santa Cruz e il Museu dos Lanifícios.


Germania


Canarie